Quando dirigo i miei occhi verso quello che penso sia un albero, ricevo un'immagine di qualcosa di verde. Ma quest'immagine non è all'esterno'. Crederlo è [ ... ] una forma di superstizione, perché l'immagine è una creazione mia, prodotto di molte circostanze, compresi i miei preconcetti.

 

Essa [coscienza] ci fornisce una scorciatoia che ci permette di giungere presto a ciò che vogliamo; non di agire con la massima saggezza per vivere, ma di seguire il più breve cammino logico o causale per ottenere ciò che si desidera appresso, e può essere il pranzo, o una sonata di Beethoven, o un rapporto sessuale. Può, soprattutto, essere il denaro o il potere.

 

 

Nella storia naturale dell'essere umano vivente, l'ontologia e l'epistemologia non possono essere separate. Le sue convinzioni (di solito inconsce) sul mondo che lo circonda determineranno il suo modo di vederlo e di agirvi, e questo suo modo di sentire e di agire determinerà le sue convinzioni sulla natura del mondo.

 

Eccolo dunque in parole

Preciso

E a leggere fra le righe

Non ci troverete nulla

Perché questa è la disciplina che chiedo

Non di più, non di meno.

Non il mondo com'è

Né come ha da essere

Solo la precisione

Lo scheletro della verità

Io non guazzo nelle emozioni

Non suggerisco implicazioni

Non evoco spiriti di antiche fedi perdute.

Tutto ciò è per il predicatore

L'ipnotista, il terapista e il missionario

Essi verranno dopo di me

E useranno il poco che ho detto

A congegnare nuovi inganni

Per quanti non possono sopportare

Il solitario

Scheletro

 

Della Verità.

 

 

Gregory Bateson